Enti partecipanti

Fondazione Montagna sicura (Capofila)

Fondazione Montagna sicura – Montagne sûre è un ente senza scopo di lucro con sede in Courmayeur, che opera in qualità di centro operativo e di ricerca applicata sul mondo della montagna con i seguenti scopi: lo studio dei fenomeni climatici e meteorologici, nonché di quelli ambientali che condizionano la vita in montagna; l’analisi del rischio idrogeologico; la promozione dello sviluppo sostenibile; la promozione della sicurezza e della prevenzione dei rischi naturali in montagna; l’analisi e lo studio degli impatti dei cambiamenti climatici sulla criosfera e sui territori di alta quota in generale. Nell’ambito dell’attività di ricerca, la Fondazione sviluppa interventi sinergici in veste di centro di documentazione sull’alta montagna e di centro di formazione e divulgazione sulle tematiche della sicurezza in montagna, dei rischi naturali e dell’ambiente alpino. È promossa dalla Regione autonoma Valle d’Aosta, dal Comune di Courmayeur, dal Soccorso Alpino Valdostano, dall’Unione valdostana Guide di Alta Montagna e dall’Azienda Usl della Valle d’Aosta.

ARPA Valle d’Aosta

L’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (ARPA) della Valle d’Aosta è un ente strumentale della Regione Autonoma che svolge attività conoscitive, di prevenzione e di tutela in campo ambientale: istituita nel 1995, è operativa dal 1997. Tra le sue attività, l’ARPA:

  • assicura il controllo dei fattori fisici, chimici e biologici che caratterizzano l'ambiente nelle sue diverse componenti: aria, acqua, suolo, ecc.; in questo ambito, ad esempio, gestisce la rete di monitoraggio della qualità dell'aria;

  • si occupa del monitoraggio sul territorio regionale degli effetti delle dinamiche globali di cambiamento meteo-climatico;

  • assicura l'attività di supporto tecnico-scientifico all'Amministrazione regionale in materia di tutela dell'ambiente e di prevenzione dei rischi ambientali, anche nell'ambito della predisposizione e dell'attuazione di piani regionali di settore;

  • fornisce il supporto tecnico all'Amministrazione regionale, all'USL e agli enti pubblici a fini autorizzativi e di controllo.

  • svolge attività tecniche e analitiche a supporto delle funzioni di vigilanza e ispezione ambientale del Corpo Forestale Valdostano;

  • effettua misure e valutazioni di impatti in ambiente di vita su richiesta di soggetti privati;

  • assicura la diffusione delle informazioni sui temi ambientali di propria competenza, anche attraverso la redazione di rapporti tecnici e della Relazione sullo stato dell'ambiente.

CNR – Irpi

L’Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica di Torino (IRPI Torino) ha iniziato la sua attività nel 1970 come istituto a carattere locale ,facente parte del circuito del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR): nel 2002 è diventato una sezione dell'Istituto Nazionale per la Protezione Idrogeologica, con sede a Perugia. Le attività dell’IRPI comprendono:

  • studio delle condizioni geo-idrologiche e dell’evoluzione morfologica dei bacini idrografici afferenti al sistema alpino-padano;

  • analisi dei fenomeni di erosione, trasporto e deposito lungo le aste torrentizie e fluviali, in relazione a significativi eventi meteo-idrologici:

  • monitoraggio, previsione e prevenzione dei fenomeni d'instabilità naturale, anche in ambiente glaciale e periglaciale;

  • studio di metodologie relative a raccolta, archiviazione ed elaborazione dei dati mediante procedure informatiche e GIS;

  • ricerche di fotointerpretazione comparata, applicata a problemi di instabilità dei versanti e della rete idrografica;

  • interventi di studio in località colpite o minacciate da piene e frane, anche a seguito di specifiche richieste da parte di Enti pubblici.

Université de Savoie

Creato ufficialmente nel 2002 dall’Université de Savoie, il Laboratoire d’Informatique Systèmes, Traitement de l’Information et de la Connaissance (LISTIC) è stato riconosciuto dal Ministère de la Recherche nel 2003: le sue attività mirano a mettere a punto strumenti metodologici per la specificazione, la concezione, la realizzazione e l’utilizzo di sistemi di fusione di informazione. L’operato del LISTIC si sviluppa lungo assi che rispondono alle seguenti parole-chiave:

  • metodi di fusione d’informazioni: rappresentazione di informazioni e incertezza, trasformazioni ed equivalenze (probabilità, possibilità), combinazioni, funzionalità esplicative;

  • sistemi e ripartizioni: modellizzazione, analisi, controllo di sistemi suddivisiì, formazione dei meccanismi di misura e trattamento, strumenti di creazione rapida di prototipi;

  • programmi e sistemi evolutivi: adattamento di architetture e servizi web, re-ingegnerizzazione e mantenimento;

  • ingegneria della conoscenza: modellizzazione e rappresentazione delle conoscenze, estrazione semi-automatica di dati, rappresentazioni semi-formalizzate;

  • metodologia orientata alla pratica.

CNRS

Il Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS) partecipa a GlaRiskAlp attraverso l’attività di tre laboratori specializzati sulle tematiche del progetto :

  • il Laboratoire de Glaciologie et Géophysique de l'Environnement (LGGE), che ha costruito la propria reputazione scientifica sullo studio del clima e della composizione dell’atmosfera, contribuisce al progetto attraverso le proprie competenze riguardanti la neve e il ghiaccio: tra le sue attività ci sono lo studio fisico e meccanico della materia-ghiaccio, gli scambi chimici aria-ghiaccio e l’acquisizione di dati sul terreno e via satellite;

  • il Laboratoire Environnements Dynamiques et Territoires de Montagne (EDYTEM) è un centro di ricerca interdisciplinare che sviluppa la propria attività grazie alla fusione di competenze e approcci diversi: geologia, idrogeologia, geomorfologia, geografia, economia dell’ambiente;

  • GIPSA-lab è un laboratorio pluridisciplinare che sviluppa ricerche di base incentrate sui segnali e i sistemi complessi: è riconosciuto a livello internazionale per i suoi studi su Automatizzazione, Segnale e Immagini, Parola e Conoscenza e sviluppa progetti nei campi strategici dell’energia, dell’ambiente, della comunicazione, dei sistemi intelligenti, della salute e dell’ingegneria linguistica.